Recensione Creality Ender-3 Pro

Quest’anno, per natale, mi sono voluto regalare una nuova stampante 3D.

Parto dal dire che, l’utilizzo che ne faccio io è hobbystico e per puro divertimento.

In precedenza avevo una stampante (vecchia ormai di 5 anni) commercializzata da un noto ecommere Cinese che tratta modellismo dinamico, una stampante molto basilare e bruttina direi, niente piatto riscaldato, niente schermi, niente possibilità di stampare da CF Card, insomma, una base nel 2015.

Dopo aver cercato in rete per parecchi mesi, mi sono deciso a procedere all’acquisto di questo modello che ho individuato come miglior compromesso tra costo, qualità e recensioni.

Non starò a dilungarmi sulla questione “assemblaggio”, la rete è piena di video su come si assembla, andando ad integrare le istruzioni che arrivano assieme alla stampante.

Io stesso ho seguito un tutorial su Youtube, e andando passo passo con il gentile Youtuber in questione, sono riuscito a mettere tutto insieme in poco più di una mezz’oretta.

La stampante arriva ben imballata, con tutte le componenti separate ed ordinate per gruppi, come potete vedere in questa foto:

La qualità dei materiali è veramente ottima e, in ogni sua componente da l’impressione di essere un prodotto veramente solido e ben fatto.

Anche perchè se non fosse solido, sopratutto nelle strutture portanti degli assi, la qualità di stampa sarebbe pessima.

Ho iniziato l’assemblaggio, come detto, seguendo uno dei vari tutorial presenti su Youtube

E dopo circa mezz’ora la mia stampante era li, pronta a sfornare progetti ed idee (avendo sempre il tempo di realizzare i modelli 3D).

Parliamo velocemente delle caratteristiche tecniche di questa stampante ad Estrusione:

Materiale telaio: profilo in alluminio
Ingresso alimentazione: 110 / 240V, 50 / 60Hz
Potenza in uscita: DC 24V 270W
Metodo di stampa: FDM (Fused Deposition Moulding)
Dimensione di stampa: 220 * 220 * 250mm
Velocità di stampa: ≤180mm / s, normale 30-60mm / s
Precisione: ± 0.1mm
Spessore strato: 0,1-0,4 mm
Diametro dell’ugello: 0.4mm
Numero dell’ugelli: 1
Temperatura di Piatto riscaldato: ≤110 ℃
Modalità di lavoro: online o offline
Formato file: STL, obj, amf
Software Slice: Cura, Repetier-Host, Simplify3D
Sistema operativo: Windows XP / Vista / 7/8/10, MAC, Linux
Filamento: PLA, ABS, Legno, TPU, Colore sfumato, Fibra di carbonio, ecc
Diametro del filamento: 1,75 mm
Dimensione Elemento: 44.0 * 44.0 * 46.5 cm
Peso dell’articolo: 6,9 kg

Le due cose che più mi sono piaciute di questa stampante sono l’alimentatore impegnato per fornire energia, anche nei momenti più critici di spunto elettrico, infatti si tratta di un alimentatore Mean Well certificato, in grado di proteggere la stampante da sovraccarichi dovuti nei momenti più critici (riscaldamento dell’ugello e del piatto di stampa, ad esempio) e il tappetino magnetico che riveste il piatto di stampa, che rende estremamente facile staccare i modelli una volta raffreddati, senza impazzire con spatole e spatoline.

Ecco un breve video della prima stampa (non tutta la stampa ovviamente) fatta con uno dei files forniti nella schedina SD:

I consigli che mi sento di darvi sono, pochi, anche perchè la macchina è valida e molto semplice da usare.

Prima di tutto seguite un guida (meglio video) su come livellare il piatto di stampa. Questa operazione andrà fatta ogni tanto (a seconda di quanto utilizzerete la stampante) per consentirvi di avere stampe buone e precise.

In secondo luogo, scaricate lo Slice Cura dal sito ufficiale, perchè l’ultima versione presenta inclusi i Preset di stampa per questo modello, a differenza di quello che troverete dentro la schedina SD inclusa con la stampante (anche se sembra strano, è così).

Come ultimo suggerimento che posso dare, è il PLA (filamento di stampa) che utilizzo attualmente è il seguente:

Buon prezzo e ottima resa, fino a questo momento!

Per concludere, si tratta di un prodotto che consiglio fortemente per chi si volesse affacciare nel fantastico mondo della stampa 3D.

Buon divertimento e buone stampe!

Come al solito vi lascio il link per l’acquisto:

Related posts

Leave a Comment